Scoprire l'emofilia - Che cosa è l'emartro - Trattamento dell'emartro
Trattamento dell'emartro

Il trattamento dell’emartro, la principale manifestazione clinica dell’emofilia, si basa sull’adozione di una serie di provvedimenti che comprendono 1,2:

  • Terapia sostitutiva: consiste nella somministrazione del fattore della coagulazione mancante (FVIII o FIX, in caso rispettivamente di emofilia A o B) in una quantità sufficiente a portare i livelli del fattore carente a 40-60 UI/dL. Deve essere iniziato precocemente, idealmente entro 2 ore dalla comparsa dei primi sintomi. Si consigliano successive infusioni ogni 12-24 ore fino alla completa scomparsa del dolore e alla completa ripresa del movimento dell’articolazione.

  • Riposo ed immobilizzazione: se l’emartro interessa l’arto inferiore, il paziente non deve camminare ma usare le stampelle o una sedia a rotelle. Se è interessato l’arto superiore, il braccio deve essere sostenuto con una fascia. Si raccomanda di evitare il sollevamento ed il trasporto di pesi per almeno 4-5 giorni dopo la risoluzione dell’emartro.

  • Crioterapia: consiste nell’applicare ghiaccio sull’articolazione interessata dall’emartro per brevi periodi di 15 minuti a intervalli regolari di 1-2 ore. Contribuisce a ridurre il dolore ed a sgonfiare la zona colpita. Il ghiaccio, infatti, causa la contrazione della parete dei vasi sanguigni rallentando la fuoriuscita del sangue.

  • Compressione: per ridurre al minimo il gonfiore si consiglia l’utilizzo di una calza o una fascia elastica.

  • Ionoforesi: è una tecnica che utilizza la corrente per veicolare sostanze antinfiammatorie nella sede dell’ emartro.

  • Fisioterapia e riabilitazione: favoriscono la ripresa ed il recupero dell’attività e della funzione dell’articolazione dopo il verificarsi dell’emartro.

  • Artrocentesi: consiste nell’aspirazione del sangue accumulatosi nell’articolazione come conseguenza dell’emartro. Determina una immediata attenuazione del dolore. È consigliabile effettuarla entro 2 giorni dalla comparsa dell’emartro e dopo un’adeguata copertura con un concentrato del fattore della coagulazione mancante.

  • Embolizzazione angiografica selettiva: consiste nel creare emboli, ovvero ostacoli, nella sede dell’emartro bloccando in maniera selettiva il flusso sanguigno e quindi determinando l’arresto dell’emorragia. È un intervento efficace soprattutto in caso di emartri ripetuti in una stessa articolazione che non rispondono adeguatamente al trattamento sostitutivo a dosi elevate.

Rimane da definire quale tra questi sia il trattamento ideale.


L.IT.COM.08.2017.2829

Come si riconosce l’emartro?

Gonfiore, calore, dolore e difficoltà di movimento sono i primi sintomi
Scopri di più

PER CAPIRNE DI PIÙ

Emartro

Versamento di sangue nelle articolazioni, nel punto quindi dove due ossa si incontrano. Il sangue, per assenza dei fattori della coagulazione, rimane liquido e richiede settimane per riassorbirsi spontaneamente.


Fattore della coagulazione

Proteine del plasma che circolano nel sangue in forma inattiva ma diventano attive durante il processo di coagulazione. Ciascun fattore è identificato con un numero romano attribuito secondo l’ordine cronologico di scoperta.


Vasi sanguigni

Sono i tubi di diverse dimensioni (arterie, vene e capillari) che costituiscono il sistema circolatorio e attraverso cui scorre il sangue in tutto l’organismo.