Curare l'emofilia - Efficacia del trattamento sostitutivo
Efficacia del trattamento sostitutivo

Il trattamento sostitutivo è il trattamento utilizzato nei pazienti affetti da emofilia per bloccare la fuoriuscita di sangue (emorragia) che può verificarsi spontaneamente o in seguito ad una ferita o una caduta.

È detto sostitutivo perché consiste nell’iniettare direttamente nel sangue (infusione) il fattore della coagulazione VIII o IX mancante, a seconda se si è affetti rispettivamente da emofilia A o B. L’obiettivo del trattamento è attivare la coagulazione e bloccare l’emorragia.

L’efficacia del trattamento sostitutivo può essere1:

  • ECCELLENTE. Quando entro 8 ore dalla prima infusione del fattore della coagulazione, si ha la completa scomparsa del dolore a carico delle articolazioni e/o dei sintomi dell’emorragia. I sintomi non si ripresentano più nell’arco delle successive 72 ore nella stessa articolazione e di conseguenza non è necessario praticare una ulteriore infusione.

  • BUONA. Quando dopo circa 8 ore dall’ infusione, si osserva una significativa riduzione del dolore a carico delle articolazioni e/o un miglioramento dei sintomi dell’emorragia. Tuttavia, per avere la completa risoluzione è necessario somministrare più di una dose della terapia sostitutiva entro 72 ore.

  • MODERATA. Quando dopo circa 8 ore si ha una modesta riduzione del dolore a carico delle articolazioni e/o un miglioramento dei sintomi della emorragia. La risoluzione completa non si ottiene neanche effettuando più infusioni nell’arco delle 72 ore.

  • ASSENTE. Quando entro 8 ore circa dalla prima infusione del fattore della coagulazione non si ottiene nessun o minimo miglioramento o peggioramento dei sintomi.

PP-JIV-IT-0091-1

PER CAPIRNE DI PIÙ

Fattori della coagulazione

Proteine del plasma che circolano nel sangue in forma inattiva ma diventano attive durante il processo di coagulazione. Ciascun fattore è identificato con un numero romano attribuito secondo l’ordine cronologico di scoperta.

Articolazioni

Strutture anatomiche che mettono in contatto due o più ossa e, insieme ai muscoli, ne permettono il movimento.